Quando la maggioranza a Desio difendeva lo Sblocca Italia

corte-europea

“Comunque prendiamo atto della vostra contrarietà a esprimervi
contro l’articolo 35 dello Sblocca Italia.”

Questa è stata la frase conclusiva dell’intervento della consigliere M5S Sara Montrasio quando nel 2015 avevamo chiesto al consiglio comunale di Desio di esprimersi contro l’articolo 35 del decreto Sblocca Italia, che prevedeva la costruzione di nuovi inceneritori nelle regioni che non ne avevano e per le altre l’obbligo di “accogliere” rifiuti da tutta Italia nei propri forni (tipo quello di Desio, come di fatto è avvenuto e sta ancora avvenendo).

Qui l’Ordine del giorno che avevamo presentato.

Ne riparliamo oggi perché finalmente qualcuno mette in discussione l’articolo 35 e la modalità dell’incenerimento per lo smaltimento dei rifiuti. Questo qualcuno è il Tar del Lazio che ha portato lo ”Sblocca Italia” di fronte alla Corte di Giustizia Europea.

Il Tar del Lazio con la sua ordinanza ha posto alla Corte di Giustizia europea tre questioni che mettono in discussione l’intero impianto normativo dello ‘Sblocca Italia’ nella parte relativa agli impianti di incenerimento e più in generale, alla pratica di incenerimento come tipologia di trattamento del rifiuto.

Il Collegio dubita della conformazione dello Sblocca Italia rispetto alla normativa comunitaria su tre punti specifici: l’articolo 35 che regola la libera circolazione di rifiuti per lo smaltimento in inceneritori, il ruolo preponderante degli inceneritori definiti come ‘impianti strategici di preminente interesse nazionale’, la mancata Valutazione Ambientale Strategica – Vas.

Tutte norme che contrasterebbero con la gerarchia d’intervento comunitario in materia di rifiuti che vede riduzione, recupero di materia e riciclo come interventi prioritari rispetto all’incenerimento di rifiuti.

Nel corso di quel consiglio comunale come Movimento 5 Stelle avevamo tentato in tutti i modi di far ragionare la maggioranza sui contenuti deleteri di questo articolo, ma ne abbiamo sentite di tutti i colori e alla fine ci hanno votato contro, tenendosi buono l’articolo sugli inceneritori.

Per gli appassionati del genere, qui c’è il verbale della discussione sullo Sblocca Italia di quel famoso consiglio comunale. Buona lettura.

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti