Perché l’Anticorruzione sta indagando sull’appalto della mensa scolastica?

È uscita in questi giorni sull’albo pretorio del comune una delibera che dà notizia dell’avvio di un’istruttoria per rispondere all’Anac, l’Autorità anticorruzione, che sta verificando la regolarità di un’altra delibera, quella con cui nel 2015 si “rinegoziava” l’affidamento del servizio mensa e lo si prorogava senza gara fino al 2027 all’attuale gestore.

“Senza gara” dovrebbero essere proprio le due parole chiave che hanno fatto scattare i controlli di Anac.

Ai tempi l’amministrazione aveva giustificato l’affidamento spiegando che negli anni si era accumulato un debito ingente verso il gestore, più di un milione di euro, e che il comune non poteva ripagarlo se non prorogando l’appalto.

Il debito era dovuto a un minor numero di pasti “consumati” rispetto a quanti erano stati previsti nel primo contratto del 2007. Quel contratto diceva però anche che, nel caso a fine anno le entrate del gestore fossero state minori rispetto al previsto, si doveva intervenire e rifare i calcoli.

Non certo aspettare di accumulare più di un milione di debiti.

Tra il 2008 e il 2014 questo controllo evidentemente non c’è stato.

Se affidare senza gara sia stato corretto o no, lo dirà l’Anac al termine dell’indagine.

Ricordiamo però che ai tempi l’operazione era stata “venduta” da Sindaco e assessore come un grande successo dell’amministrazione che così facendo era riuscita a ottenere un piccolo sconto sul prezzo dei pasti. La campagna elettorale del 2016 era appena iniziata.

Rileggendo le carte, abbiamo trovato anche un’altra cosa interessante. Nella delibera del 2015 si dichiarava che per contratto la società che gestisce la mensa doveva predisporre il pagamento online per gli utenti del servizio mensa, già dall’anno scolastico 2015/16.

Siamo ad aprile 2019. Noi la mensa la paghiamo ancora dal tabaccaio o in cartoleria e in contanti (altrimenti costa 1 euro in più) e voi?

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti