L’alternativa a Desio? Né Corti, né Zanello

sara montrasio

A Desio, la Lega Nord che 5 anni fa si era dimessa dal consiglio comunale, al grido di «O usciamo da questa coalizione, o restituiamo le tessere del partito!» ora si ritrova le stesse persone in casa.

«Non basta mandare il politico navigato Zanello a stringere mani al mercato per far dimenticare ai desiani i danni della vecchia alleanza, se ora la si ripresenta tale e quale, con l’ombra di Perri che incombe» dichiara il Senatore M5S Bruno Marton«Le rassicurazioni dai palchi dei comizi non servono» prosegue Marton «la Lega deve dire cosa farà per arginare i suoi scomodi alleati: terrà un piede fuori dalla porta, pronta a dimettersi un’altra volta?»

Nel dibattito interviene anche il Deputato M5S Davide Tripiedi «Con lo spettro di un Corti-bis, la città rischia di trovarsi di nuovo un governo immobile, paralizzato dalla paura di cambiare, quando è proprio un cambiamento radicale che serve» e aggiunge «Corti non è certo un’alternativa, anzi. Anche se vorrebbe che ce lo dimenticassimo, è parte di quel PD che sta portando allo sfascio il nostro Paese e sta riscrivendo la Costituzione in malo modo con il condannato ex berlusconiano Denis Verdini.» 

La candidata Sindaco M5S Sara Montrasio conclude «Invitiamo i desiani ad abbandonare le strade già percorse che non hanno portato da nessuna parte. Desio oggi ha l’occasione di prendere una direzione completamente nuova: è la strada indicata dai cittadini e il Movimento 5 Stelle si impegna a seguirla coerentemente e senza deviazioni.»

Movimento 5 Stelle Desio

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti